20b: Moissac a Auvillar/ variante GR65

Lungo i canali della Garonna lungo l’itinerario turistico

 

MILENA DELLA PIAZZA, DIDIER HEUMANN, ANDREAS PAPASAVVAS

 

Abbiamo diviso il percorso in diversi tratti, per facilitare la visibilità. Per ogni tratto, le mappe danno il percorso, le pendenze trovate sul percorso, e lo stato del GR65. I percorsi sono stati disegnati sulla piattaforma “Wikilocs”. Oggi non è più necessario andare con mappe dettagliate in tasca o in borsa. Se si dispone di un telefono cellulare o tablet, è possibile seguire facilmente il percorso in diretta.

Per questo percorso, ecco il link:
https://fr.wikiloc.com/itineraires-randonnee/de-moissac-a-auvillar-par-la-variante-du-gr65-54803443/

Questo non è ovviamente il caso per tutti i pellegrini di sentirsi a proprio agio con la lettura del GPS e dei percorsi su un laptop, e ci sono ancora molti posti in Francia senza un Connessione internet. Pertanto, trovarai nel futuro un libro su Amazon che tratta di questo viaggio. Per il momento questo libro è disponibile solo nelle versioni francese e inglese: Le Chemin de Compostelle en France. V. Du Puy-en-Velay à Cahors par le GR65.

Se vuoi vedere solo gli alloggi della tappa, vai direttamente in fondo alla pagina.

Oggi ci sono due modi per raggiungere Auvillar. La grande maggioranza dei pellegrini si dice che è giunto il momento di avere una giornata tranquilla, per alleviare un po’le loro articolazioni ammaccate. Quindi non desiderano vedere se il Tarn e la Garonna sono i fiumi più belli dalla cima delle colline. Hanno letto il loro diario di bordo e hanno notato che non c’è un dislivello significativo per arrivare ai piedi di Auvillar se si segue la variante del canale. Questo ti permetterà di avere più immagini di questo magnifico viaggio lungo il canale..

Difficoltà del percorso: Sulla variante del canale i dislivelli (+86 metri /-50 metri) sono infatti inesistenti. C’è solo la salita ad Auvillar, ma è breve. Felicità totale, vero!

Tutto dipende da ciò che chiamiamo asfalto. Il percorso lungo il canale è solo asfaltato, ma non c’è traffico veicolare. È solo da Pommevic che camminerai sulla strada:

  • Asfalto: 19.3 km
  • Cammini: 0 km

A volte, per motivi logistici o scelta dell’alloggio, queste tappe mescolano percorsi effettuati in giorni diversi e diverse stagioni, poiché siamo passati più volte sulla Via Podiensis. Allora, i cieli, la pioggia o gli aspetti del paesaggio possono variare. Ma, generalmente, non è così, e questo modo di fare non cambia la descrizione del corso.

È molto difficile specificare con certezza le pendenze dei percorsi indipendentemente dal sistema utilizzato.

Per dislivelli reali , rileggi l’avviso del chilometraggio nella pagina di benvenuto.

Tratto 1: Una bella passeggiata sul Canal dei Due Mari fino a L’Espagnette.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: : percorso senza difficoltà.

 

Questa mattina a Moissac il tempo non è bello e la piazza vicino all’abbazia è deserta. È l’inizio di luglio, all’inizio della stagione rispetto all’ultima volta che siamo stati qui all’inizio dell’autunno. Il GR65 lascia Moissac vicino alla stazione e giunge rapidamente il Canale dei Due Mari.

Entra quindi nella pista ciclabile dei Due Mari, che seguirà per molti chilometri sotto grandi alberi. L’acqua è quasi sempre verdastra nel canale.

Il canale si estende come un lungo nastro, lungo gli alberi maestosi. È consuetudine dire che lungo il canale ci sono solo platani. Questo non è vero. Certamente sono presenti numerosi, ma possiamo trovare anche alcuni grandi aceri di sicomoro, che si protendono verso il cielo, torturati e silenziosi, modellati dal tempo e dai venti. Stai attento però. Le foglie degli aceri e dei platani sembrano stranamente simili. Solo i frutti sono molto diversi. A volte ci sono anche grandi frassini.

Questa mattina la vita è tranquilla lungo il canale. Sfilano solo camminatori con cani e joggers. D’altra parte, c’è più attività sulla strada dipartimentale, segno del movimento delle persone verso il proprio posto di lavoro in città.

Raramente vedi il Tarn, che corre parallelo a sinistra del cammino. Dall’altra parte del canale le vetture sfilano lungo la ferrovia.

A sinistra del canale si susseguono i campi di girasole. Qui il cammino passa ad una certa distanza dal Tarn.
Più avanti furono piantati alberi da frutto davanti a un esercito di pioppi.
Dopo una dolce passeggiata lungo il canale, il cammino arriva al ponte della chiusa dell’Espagnette. Questa è la chiusa n. 26. Numerano le chiuse e le distanze sul Canale dei Due Mari.
Questa è la chiusa della scelta. Sul GR65, il viaggio è di 18 chilometri, sulla variante di 16 chilometri per raggiungere Auvillar. Ma non è la differenza di chilometri che è il punto qui, è il percorso. Sul GR65 il percorso è piuttosto sportivo. Nella variante, basta seguire il canale. È qui che oggi seguiremo il percorso. L’altro percorso è stato coperto nella tappa annessa sul sito.
Sulla variante, è sempre lo Chemin de la Pointe che seguiamo. Da qui, ci vorranno circa 6 chilometri per raggiungere il GR65 a Malause.
E sempre questi maestosi platani, allineati come pedine in una partita a dama. Sul lato, prati e campi di girasole condividono il paese.
Oggi nessuna nave da crociera viene a disturbare l’acqua verdastra del canale, che a malapena si muove, a volte chiedendosi addirittura se l’acqua stia scorrendo e in quale direzione. Il silenzio è così presente che puoi facilmente sentire le ruote delle biciclette che ti arrivano dietro. Non c’è bisogno di suonare il clacson, il pellegrino bada a se stesso.

Tratto 2: La passeggiata sul canale continua.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: : percorso senza difficoltà.

Poche persone vivono sulla riva sinistra del canale. Solo la sponda destra, dove attraversa la strada dipartimentale, è abitata, e ancora in minima parte.
Qui non ti resta che tenere i piedi per terra e lo sguardo fisso sulle sagome erette degli alberi, come fusi in un paesaggio dove il verde delle foglie abbraccia l’acqua del canale.
Potresti immaginare che questo paradiso da sogno appartenga solo agli escursionisti e ai ciclisti della domenica. Anzi! EDF, la compagnia elettrica, non vuole che la gente venga a camminare sulle sue aiuole. C’è una centrale nucleare nelle vicinanze.
Non è che la monotonia di questa lunga passeggiata sul canale possa disturbare la fantasticheria, ma il cervello apprezza i cambiamenti. Che tu lo voglia o no è costruito così. Quindi potrebbe individuare una presenza umana sulla sponda opposta.

Lo scenario è raramente brutto lungo il percorso. Ma ci sono momenti eccezionali, in cui tutto si fonde in armonia, gli alberi, l’acqua e il cielo.

Poi vediamo davanti a noi una sbarra di metallo che sbarra il canale. Man mano che ci avviciniamo vediamo crescere un ponte.

Il ponte conduce al centro ricreativo St Nicolas de la Grave e da lì verso l’interno del paese.

Ma è anche dal ponte che puoi assistere al matrimonio dei due fiumi, l’acqua della Garonna che risale abbastanza lontano nel Tarn. È così vasto che non sai più chi è chi, ma qualunque cosa. È solo magia. Quello che sappiamo è che il Tarn è ormai del tutto morto e che ora seguiremo la Garonna. I grandi mangiano quasi sempre i piccoli.
Ora è come se il Tarn-et-Garonne si fosse finalmente svegliato, il treno passa ad alta velocità dall’altra parte del canale.
E il canale continua a trasudare la sua magnificenza. Dall’altra parte degli alberi scorre impassibile la Garonna, che non si vede mai e da cui non si sente alcun mormorio.
I joggers non sono molto numerosi lungo la strada. È un giorno feriale. Per loro, non esiste un circuito qui. Devono tornare allo stesso modo, oppure prendere l’omnibus alla stazione di Malause.
A sinistra del cammino c’è la Garonna che scorre. Ma l’EDF ti ha appena lasciato un diritto di ispezione per permetterti di verificare che il fiume non sia scomparso dietro i frassini che a volte osano prendere il posto dei platani.
Più avanti, il cammino arriva al ponte della chiusa del Petit Bézy. Non pensare che il canale non sia gestito, anche se avrai la sensazione che qui non passi nessuno. Dipende dai giorni e dalle stagioni. Durante la nostra visita, un operaio stradale stava ripulendo le foglie impigliate negli ingranaggi della chiusa.

Tratto 3: Fino alla fine del canale per oggi.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso:  percorso senza difficoltà.

Qui i campi sembrano un po’ più diversi lungo il canale, con i cereali.
A volte i platani sono così maestosi che sarebbe una grande sfortuna se questi giganti secolari scomparissero dal paese come i loro fratelli più a valle del Canale del Midi, infettati da un brutto fungo, il cui unico rimedio è una motosega.
Qui passano i treni. Non è come nella Francia centrale sinistrata, dove a volte vengono tenute vecchie rotaie arrugginite per dare l’illusione che un giorno potremmo riavere il treno.
Più avanti appare un ponte in lontananza. Qui, l’EDF non ha messo un segnale di divieto. Possiamo quindi misurare la larghezza della Garonna, ma non c’è accesso al fiume.
Presto, il cammino arriva vicino agli accessi di pesca, vicino al Ponte di Malause sul fiume.
Adesso ci stiamo avvicinando a Malause abbastanza velocemente. E per la nostra felicità, il bel tempo davanti a noi promette una luce migliore per il resto del viaggio.
Il cammino arriva quindi al ponte della chiusa di Malause, un primo ponte che conduce al villaggio.
Così, momentaneamente, la variante del GR cambia registro, abbandona il nastro d’asfalto e attraversa l’erba vicino al canale, in una parte del villaggio che si è sviluppata qui vicino al canale.
Ma la maggior parte del villaggio si trova dall’altra parte, oltre i binari della ferrovia.
Al termine dei complessi residenziali il cammino arriva al Ponte di Palor. Qui è dove la variante raggiunge il GR65, che scende dalle alture. .
Il cammino allora riprende i suoi diritti, sulla striscia d’asfalto, sotto i grandi platani. Qui le chiatte sono allineate una dietro l’altra. Sono aumentate di numero dalla nostra ultima visita. È perché si muovono sul canale o è la crisi che offre case più economiche?
Lo spettacolo rimane mozzafiato come sempre, su questi rettilinei infiniti, sotto questi enormi platani che proiettano la loro ombra nell’acqua verdastra del canale.
Su entrambi i lati del canale l’attività è agricola, ma nei prati non si vedono mai bovini che si divertono.

Tratto 4: Ancora qualche passo sul Canale dei Due Mari.

 

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: : percorso senza difficoltà.

Il percorso si avvicina a un ponte sul canale. Qui arriva un pescatore per deporre le lenze. Si pescano carpe, orate, temoli, persici e pesce gatto. Quest’ultimo, con i suoi baffi, il pesce preferito delle tavole asiatiche, è arrivato in Francia alla fine dell’Ottocento. Ora è molto comune nei fiumi. Nocivo, ma commestibile, fa parte della stessa famiglia dei siluri, questi pesci enormi e orribili, la piaga dei fiumi.

In questa cornice da sogno, il cammino raggiunge il Ponte del Capitano.

Il percorso appartiene a escursionisti, ciclisti e pellegrini. L’unica cosa che li distingue è il peso dello zaino sulla schiena. Joggers e ciclisti mi muovono spediti. Il pellegrino si prende il suo tempo, bighellona, il naso per aria.
Poco dopo appare una chiusa. Anche se, a prima vista, la regione sembra piatta come un nuovo centesimo, ci sono comunque alcuni dislivelli del terreno che richiedono la presenza di queste installazioni.
Questa è la chiusa n. 28, la chiusa di Braguel, l’ultima che incontreremo oggi.
Goditi ancora un po’ di questo sontuoso arredamento, perché il percorso lascerà presto la magia del canale.
Il cammino arriva allora all’ultimo ponte, il Ponte di Pommevic. Avremmo potuto continuare oltre in questo ambiente aggraziato, questa calma incomparabile. Ma qui è finito. Il GR65 farà una leggera deviazione a Pommevic qui, attraversando il ponte sul canale.
Il paese è a due passi dal canale, sulla strada principale, con qua e là queste residenze così caratteristiche della regione, case in pietra calcarea bianca e rosa, con mattoni ad incastro, annegati nella calce.
C’è un lavatoio di un’altra epoca nelle vicinanze. Oggi, sulla terrazza del bar, l’attività è più traboccante che durante la nostra ultima visita.
La strada poi attraversa il paese sulla dipartimentale fino ad un bivio, all’uscita del paese. Oggi non andremo nel centro del paese, che non offre molto interesse, si dirà così senza essere troppo sgraziati per la gente del posto che qui vive.
Dall’incrocio, il GR si immette sulla strada dipartimentale che porta ad Auvillar. Successivamente attraversa il Canal Lateral de la Garonne, quindi il Canal de Golfech, una deviazione della Garonna che va alla centrale nucleare. Qui la Garonna si biforca nella pianura. La troveremo ad Auvillar.

Di fronte a te poi appaiono le mostruose torri della centrale nucleare di Golfech. Mostruoso, a dir poco. Questo sito, con due reattori nucleari, ha le torri di refrigerazione più alte d’Europa, raggiungendo un’altezza di 170 metri. Dall’altra parte del paese, non appena sali in cima a una collina, vedi solo queste due enormi verruche e le loro gocce di vapore acqueo che deturpano il paesaggio. Sono tanto terrificanti con il bel tempo, quanto con il tempo più cupo, come in una delle nostre ultime visite nella regione.

Da qui vai alla tappa 20a, che descrive questo percorso verso Auvillar.