21: Auvillar a Miradoux

Dal Tarn-et-Garonne al Gers

 

MILENA DELLA PIAZZA, DIDIER HEUMANN, ANDREAS PAPASAVVAS

 

Abbiamo diviso il percorso in diversi tratti, per facilitare la visibilità. Per ogni tratto, le mappe danno il percorso, le pendenze trovate sul percorso, e lo stato del GR65. I percorsi sono stati disegnati sulla piattaforma “Wikilocs”. Oggi non è più necessario andare con mappe dettagliate in tasca o in borsa. Se si dispone di un telefono cellulare o tablet, è possibile seguire facilmente il percorso in diretta.

Per questo percorso, ecco il link:
https://fr.wikiloc.com/itineraires-randonnee/de-auvillar-a-miradoux-par-le-gr65-55201684/

Questo non è ovviamente il caso per tutti i pellegrini di sentirsi a proprio agio con la lettura del GPS e dei percorsi su un laptop, e ci sono ancora molti posti in Francia senza un Connessione internet. Pertanto, trovarai nel futuro un libro su Amazon che tratta di questo viaggio. Per il momento questo libro è disponibile solo nelle versioni francese e inglese: Le Chemin de Compostelle en France. V. Du Puy-en-Velay à Cahors par le GR65.

Se vuoi vedere solo gli alloggi della tappa, vai direttamente in fondo alla pagina.

Brulhois, che nell’antico occitano significherebbe “bosco ceduo, macchia di alberi, bosco” è diviso in 3 dipartimenti: Lot-et-Garonne, a sud di Agen, il nord di Gers e la parte più occidentale del Tarn -et-Garonne. In precedenza, il paese di Brulhois era una regione boscosa. Le sabbie e le ghiaie che si accumulavano nei terrazzamenti lungo la Garonna davano cattivi terreni favorevoli ai boschi. Un tempo i boschi formavano un confine quasi continuo. Ma chi dice terreno cattivo, dice anche vigneto. Nel XIX secolo, queste grave furono gradualmente trasformate in vigneti. I vini di Brulhois hanno ora una denominazione controllata.

Nella tappa odierna, che punta sempre verso ovest, oggi si passa dal dipartimento del Tarn-et-Garonne al dipartimento del Gers. Molti pellegrini più coraggiosi vanno da Auvillar a Lectoure in un giorno, ma è un lungo viaggio di 32 chilometri. A Lectoure, si sostiene che i pellegrini arrivino qui in ginocchio, vista la lunghezza della tappa e l’ultima salita al villaggio. Abbiamo quindi diviso la tappa in due, fermandoci a Miradoux, nella Lomagne.

Oggi non andremo nei vigneti vicino alla Garonna. Ci accontenteremo di lambire il Brulhois, le sue campagne e i suoi boschi vicino a St Antoine, prima di addentrarci nella Lomagne, il territorio più settentrionale del Gers. Il Gers è un paese in cui le colture sono più numerose che nel Brulhois. È un paesaggio di grandi raccolti, il regno del grano e dei girasoli. Il mais è generalmente poco coltivato a causa delle condizioni agro climatiche locali, in particolare delle precipitazioni relativamente basse. Ci sono anche frutteti, ma meno che nel Tarn-et-Garonne, alcune viti e colture più specifiche, come l’aglio o il melone. Ex terra di allevamento di bovini, i pascoli ora si rifugiano su poche colline o in rari fondovalli. Le praterie occupano solo l’8% della superficie agricola rispetto al 35% di 30 anni fa. Di conseguenza, l’allevamento è marginale.

Difficoltà del percorso: I dislivelli odierni (+347 m/-273 m) sono molto ragionevoli. La tappa non offre grandi difficoltà di percorso. Difficilmente supereremo i 200 metri di dislivello, e solo poche piccole salite o discese da Auvillar, poi verso Flamarens e Miradoux, a volte con una pendenza superiore al 15%, fanno sudare. Attraversiamo una vasta campagna punteggiata qua e là da piccoli boschetti.

I percorsi su asfalto sono abbastanza consistenti, soprattutto perché nella regione molti cammini sono solo strisce di erba falciata accanto all’asfalto su entrambi i lati della strada:

  • Asfalto: 11.3 km
  • Cammini: 5.5 km

A volte, per motivi logistici o scelta dell’alloggio, queste tappe mescolano percorsi effettuati in giorni diversi e diverse stagioni, poiché siamo passati più volte sulla Via Podiensis. Allora, i cieli, la pioggia o gli aspetti del paesaggio possono variare. Ma, generalmente, non è così, e questo modo di fare non cambia la descrizione del corso.

È molto difficile specificare con certezza le pendenze dei percorsi indipendentemente dal sistema utilizzato.

Per dislivelli reali , rileggi l’avviso del chilometraggio nella pagina di benvenuto.

Tratto 1: Gimkana che lascia Auvillar per attraversare l’autostrada.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: ppendii intorno ad Auvillar, salita e discesa verso l’autostrada. Quindi, ovviamente senza alcuna difficoltà.

 

Il GR65 lascia Auvillar risalendo una strada in forte pendenza dal centro del paese.

Risale nei complessi residenziali più recenti del villaggio fino alla località Hautes Peyrières.

Alla sommità del crinale la pendenza si attenua e il GR65 segue ancora la strada fino a trovare un sentiero che scende verso autostrada.

Da qui si possono vedere le strutture autostradali di fondo valle. Quindi la strada sterrata scende nel sottobosco.

L’ampio cammino scende con una pendenza superiore al 10%, fino a raggiungere una stradina di fondo valle. Qui scorre il ruscello di Profond, che difficilmente vediamo, ma che è all’altezza del suo nome, nel sottobosco e nei carpineti, sotto le querce, i frassini e gli aceri. Ci sono pochi castagni da queste parti.

Una strada attraversa quindi il ruscello, e sale sotto i lavori dell’autostrada A62, che collega Tolosa a Bordeaux, che, almeno in queste prime ore, presenta poca attività.
Un piccolo lembo di terra accompagna la strada, che gradualmente emerge dal sottobosco in un’ampia aperta campagna.
Sull’altopiano ci sono lunghi rettilinei insipidi ed indigeste, tra cereali o verdi campi incolti. Il pellegrino non ha sempre diritto al sublime.
Ma può essere ancora più difficile da ingoiare in caso di maltempo, quando la pioggerella sporca e appiccicosa, fine e penetrante, che gocciola sul tuo mantello, rende i campi ancora più austeri e silenziosi, giusto?
Di lunga durata, la strada si avvicina a Bardigues. Ben oltre l’orizzonte, il paese srotola i suoi campi e colture a perdita d’occhio.
Poco dopo, la strada passa all’ingresso di Bardigues, nella regione del Brulhois. Qui le denominazioni del villaggio sono riportate anche in occitano. I costumi locali, che sono stati radicati nelle popolazioni per secoli, non sono così facilmente soppressi.
Il GR65 non attraversa il villaggio, lontano dalla strada.
Continua il suo cammino in avanti sulla strada diritta, sfiorando il villaggio, sotto querce e frassini. I veicoli probabilmente circolano raramente qui, a parte i trattori.

Tratto 2: Su colline e valli nel Bruhlois.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: percorso senza alcuna difficoltà, tranne la discesa a Le Moulin, con quasi 100 metri di dislivello.

All’uscita da Bardigues, il GR65 lascerà l’asse principale per una stradina.
Nella cosiddetta “Francia profonda”, ogni fattoria isolata porta spesso un nome. Ogni frazione non è un comune, ma tutti conoscono l’incredibile numero di comuni presenti nel paese.
La strada asfaltata si snoda sotto gli alberi decidui, soprattutto querce, frassini e aceri. A volte, una fattoria, che non suda ricchezza, si rannicchia vicino alla strada, come qui a La Gravière.
Poco dopo, la strada passa a Ritouret, grande come un fazzoletto, con le sue fattorie e le sue abitazioni in pietra da taglio. Tutto è arenaria e calcare nella regione. Qui le fattorie sono spesso quadrate o rettangolari, semplici, con il loro tetto di tegole. Le case residenziali sono spesso separate dalle fattorie.
La strada si snoda lungo siepi di latifoglie, in una campagna piatta come una crepe, dove si alternano girasoli, cereali o campi incolti, ricoperti di concime verde.
Un po’più avanti si trova la fattoria Pessanton e la sua vasta campagna.
Poco dopo il GR65 cambierà registro, lasciando l’asfalto per un viottolo forestale che si immette nel sottobosco.
Il percorso non dura molto nel sottobosco dove abbondano i castagni in mezzo a querce e cespugli di carpino. La pendenza qui è sostenuta, più del 15% il più delle volte. Il sentiero scende poi nell’erba lungo il bordo.
Qui puoi già trovare paesaggi simili a quelli del vicino Gers, con culture sparse su piccole colline.
Più in basso l’asfalto sostituisce lo sterrato e la campagna si allarga. Qui, una fattoria molto grande ha un’architettura tipica della Lomagne, con il suo tetto avvolgente a lati lunghi, che protegge in un unico pezzo la casa, il fienile e la stalla. Si tratta di una vasta tenuta con annessi.
Oggi i campi di grano sono sparsi, domani potrebbero essere i girasoli, o qualcosa del genere. I contadini alternano costantemente i raccolti.
In fondo alla discesa, il GR65 trova un piccolo incrocio. Nei campi crescono, ma raramente, alberi da frutto. Ciò impedisce una corretta manovra dei trattori, quindi sono stati per lo più tagliati.
Il GR65 raggiunge allora e attraversa la piccola strada dipartimentale D88. Siamo a Le Moulin, molto vicino a St Antoine d´Arrats.
È una manciata di case nei campi di girasoli vicino al fiume.

Vicino, Il GR65 attraversa l’Arrats, un fiume importante che qui si snoda attraverso il paese. Non c’è dubbio che il fiume sia spesso fangoso, lo abbiamo sempre visto così, con il brutto tempo come con il bel tempo. Questo è spesso il caso dei fiumi che scorrono nel terreno calcareo che viene lavato con gioia.

Davanti ai tuoi occhi si sviluppa la pianura di St Antoine. Presto, il GR65 troverà un sentiero nell’erba che sale, parallelo alla strada in collina. Nel Tarn-et-Garonne e nel Gers, il Cammino di Compostela ha disegnato, nella sua generosità, strisce di erba falciata a lato delle strade asfaltate, che a volte deviano un po’ di più dalla strada per apparire cammini reali.
Qui camminerai sul prato di una grande casa colonica, che si estende su entrambi i lati della strada, tra fiori e alberi esotici. L’azienda agricola produce, tra le altre cose, orticoltura e alberi da frutto. Qui cresce tutto: grano, mais, girasole, barbabietole, carote, cipolle, ma anche aglio, melone e tabacco. Anche se siamo nella regione del Brulhois, i vigneti non sono presenti qui.
Dopo la fattoria, il sentiero prosegue la sua leggera salita tra l’erba in mezzo ai campi.
Poco dopo, raggiunge la strada all’ingresso di St Antoine.
La strada arriva quindi a St Antoine nella regione di Brulhois (206 abitanti), un piccolo e pittoresco villaggio medievale, fondato dai monaci Antonini, il cui centro era St Antoine-L’Abbaye, nell’Isère, dove passa un Cammino di Compostela che raggiunge Le Puy. In questo antico ospizio si accede da un venerabile portico.
Gli Antonini costruirono abbazie e ospedali nel XII secolo per combattere il “fuoco di Sant’Antonio”, una malattia causata dalla segale cornuta. I monaci rimasero qui fino alla fine del XVIII secolo. La chiesa è elencata nel Patrimonio dei monumenti storici. Nella chiesa sono stati recentemente scoperti murales del XIV e XV secolo. La porta fortificata all’ingresso della città risale probabilmente al XIII secolo.
Nulla è cambiato qui da secoli, nella via centrale del paese e delle sue case in pietra, a volte a graticcio. In passato molti pellegrini si fermavano qui. Ma ora gli alloggi sono più limitati. Tuttavia, c’è ancora la locanda del villaggio, dove si accalcano ancora pellegrini e turisti di passaggio.

Tratto 3: Sulle colline e valli nel grano e nei girasoli.

 


Indicazione generale delle difficoltà del percorso: : leggera pendenza, e una discesa intermedia un po’ più pronunciata verso la Teulère.

 

Da St Antoine, la strada attraversa campi di girasoli oltre le case un po’ più nuove del villaggio.
Il GR65 si dirama abbastanza rapidamente su una stradina asfaltata che sale nel sottobosco, all’altezza del ruscello Corneille.
La pendenza è abbastanza dolce sull’asfalto sotto i grandi alberi decidui, querce ovviamente, ma anche sontuosi aceri di monte e frassini che si arrampicano senza fine.
Più in alto, all’uscita del boschetto, il paese si apre su ampi prati, pochi campi di grano e sterminati campi di girasoli. Qua e là, una cassetta delle lettere sul ciglio della strada, o un improbabile cartello di direzione, probabilmente piccole fattorie isolate.
Ancora un’altra località a lato della strada, e il GR65 passa davanti alla fattoria di Villeneuve, dove possiamo trovare alloggio.

La strada più spesso passa davanti a grandi campi di girasoli. Essendo stati qui diverse volte, non abbiamo mai visto altro che girasoli e un po’ di soia. Per noi, ma anche per molti altri escursionisti, questi campi di girasoli, che sono belli solo quando i fiori sbocciano al tramonto, sono inizialmente incantevoli. Ma con la loro instancabile ripetizione, la noia sta prendendo piede. Inoltre, a seconda della stagione, si attraversano veri incolti all’inizio della primavera o quasi cimiteri in autunno. Van Gogh ha composto il suo bouquet con fiori in tutte le fasi del loro sviluppo, in gemme, in piena fioritura o appassiti. Aveva la scelta della stagione. Se passate qui nel tardo autunno, i fiori appassiti, raggomitolati su sé stessi, non esalteranno più le calde luci del sole, ma celebreranno l’oscurità e la tristezza.

Più in alto, su una strada che sale appena, il GR65 prosegue dritto dopo un bivio.
Quindi, la strada si nasconde un po’ ai margini del sottobosco. Qui hanno piantato alberi di acero. Applaudiamo con entrambe le mani i contadini che stanno pensando di ripiantare alberi.
Presto la strada arriva in cima alla costa in località detta Coilong, dove si possono persino vedere alberi da frutto. Qui arriviamo alla fine del dipartimento del Tarn-et-Garonne che lasceremo per il dipartimento del Gers. Il confine è appena sotto al livello del ruscello di Teulère.
Da qui un cammino si tuffa nel sottobosco, con pendenze spesso superiori al 15%.
Si tratta di un sentiero abbastanza ampio, che scende all’ombra delle latifoglie, dove si notano molti castagni tra querce, aceri e piccoli carpini.
La discesa non è lunga per arrivare nel fondovalle in prossimità del torrente di Teulère, che non notiamo più del confine tra i due dipartimenti.
Non appena si attraversa il torrente, il sentiero si inerpica sull’altro versante della collina in aperta campagna. Se non conosci il Gers, avrai tempo per conoscerlo. Alcuni pellegrini lo amano, altri molto meno.
Il Gers è un’ottima terra per il grano. Inoltre, nella regione, il grano nobile sarà favorito rispetto ad altre varietà di cereali. Non vedrai molto triticale, orzo o avena. Nella regione, i contadini hanno creato molte riserve d’acqua, che sono come laghetti usati per irrigare i campi.

Non è uno spettacolo dolce e sereno quello che si svolge dietro il carpino sperduto in mezzo ai campi?

 

Oggi è l’inizio dell’estate. Ma ora, ogni volta che lo sguardo vaga con gioia sulla natura, ci diciamo che è meglio passare qui in primavera, se possiamo, quando il grano ondeggia, che i girasoli e magari anche la soia inoltre, di ergono dolcemente sulla collina. Immagina questi paesaggi in autunno, dopo la fine del raccolto.

Quando percorri il Cammino di Santiago in una volta sola, non hai scelta. Chiedi ai pellegrini. Alcuni vi diranno che hanno fatto quasi tutto sotto la pioggia, come anche noi. Ma, poi, diventa molto difficile estrarre la fotocamera da sotto il mantello per scattare alcune foto non appannate. Ma se ripeti il percorso più volte, puoi prevedere periodi di clima più favorevole, senza grandi rischi di pioggia, come l’inizio dell’estate o l’autunno. Ecco quindi, per dare un po’ di contrasto, alcune immagini della regione scattate in primavera, in una giornata molto contrastata. Cambia, vero?

Al momento la pendenza è dolce lungo i grandi campi di grano e la sottostante riserva d’acqua. Oggi i frumenti invernali sono già stati raccolti. In questo periodo, quando vedrai ancora il grano in crescita, è principalmente grano piantato in primavera.
Un po’ più in alto, vicino a un punto picnic che sembra un campo indiano, il GR65 lascia l’erba dolce per l’asfalto.
Così passa per un posto chiamato La Subsistance. La pendenza aumenterà. In cima alla collina spunta il villaggio di Flamarens.
La pendenza inizia a diventare più severa sulla strada. Sotto, i campi si estendono all’infinito. Sempre più grande! Nel Gers producano molta più farina che pollame. Le anatre sono assenti da questa regione.
La strada si snoda ancora un po’ attraverso i grandi campi di grano, con alberi isolati, spesso frassini, che un tempo erano usati per il foraggio invernale per il bestiame.

Tratto 4: Da Flamarens, che sta cercando di uscire dall’oblio, a Miradoux.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: salita piuttosto ripida verso Flamarens, poi saliscendi senza grandi difficoltà.

 

Flamarens si avvicina nel grano e nei girasoli. La salita è stata lunga, quasi due chilometri dal ruscello di Teulère.
Se la pendenza è stata abbastanza dolce durante tutta la salita, qui è severa, quasi il 20% al di sotto del paese.

Per il piacere…

Attendi il caricamento del video.

All’ingresso, una Vergine protegge il paese. Questa è un’usanza in molti villaggi della regione. Accanto ad essa si trova un portico con colonne ioniche. Resti di un muro che doveva fortificare il villaggio? Non sappiamo.
Nella piazza del paese, nei pressi di un’area picnic, si trovano la chiesa e il castello. E il villaggio ha ragione a pregare la vergine per sopravvivere, dopo tutte le disgrazie che l’hanno toccato.

Flamarens è stata a lungo una piccola signoria dei visconti di Lomagne, che avevano una fortezza costruita su questo punto più alto che domina la valle. La fama del castello e della sua regione si estinse nel 1878, quando morì la grande famiglia Grossoles. Il castello venne poi venduto, diventando proprietà privata. Negli anni ’30 il castello fu abbandonato per mancanza di risorse sufficienti per rifare il tetto che prendeva l’acqua. Poi, nel 1943, intervenne un fulmine, incendiando il tetto. Il castello viene poi vendutoa pezzi. Da allora è stata avviata una campagna di restauro per ripristinare l’edificio.

Un’associazione, Art-Terre 32, mira a rilanciare il borgo. Organizza serate musicali di alto livello nella grande sala del castello, cerca di sviluppare azioni culturali nelle zone rurali, per far rivivere il borgo. Bravi! Uno dei nostri amici, un cantante d’opera, è venuto a coltivare il bel canto nel castello.

Ma se il castello non sta vivendo una vita d’oro, la chiesa non va miglio. La chiesa di San Saturnino risale al XVI secolo. È minacciata di collasso. Ma non tutto è morto. È in fase di restauro con l’aiuto di fondi di volontari e il lavoro sta procedendo con la forza delle mani. Ci sono ancora dei buchi nella facciata, ma la cornice è stata rifatta dalla nostra ultima visita al villaggio. Congratulazioni!
Attraversiamo il villaggio in un baleno, è così minuscolo!
Il GR65 lascia Flamarens sull’asfalto, sopra le riserve d’acqua, e scende in campagna. Va detto qui che nel Gers è possibile camminare sull’erba su entrambi i lati della strada, che è sempre sgombra. Molti pellegrini preferiranno l’erba. Altri tendono a camminare sull’asfalto, poiché a volte sull’erba il fondo è più irregolare.
Una lunga strada quasi diritta ti porta in un luogo chiamato La Patte d’Oie.
Lì, per evitare la strada dipartimentale che farà una grande curva, il GR65 prende una stradina secondaria…
…finché non ti ritrovi velocemente nell’erba e ridiscendi sulla strada dipartimentale. Qui le colture fanno delle vere e proprie scacchiere. Il grano domina ancora.
Ecco come appaiono questi paesaggi in un buio cielo primaverile. Quasi a volte abbiamo la sensazione di trasferirci in un altro paese, giusto? I campi di grano sono come tappeti di seta che si agitano come un mare, al minimo vento: è molta magia e serenità che si esprime. I girasoli hanno i loro volti radiosi solo per tirarti su di morale.
Più in basso, il GR65 giunge e costeggia la strada dipartimentale su un’ampia striscia d’erba, al limite dei raccolti. Qui hanno piantato siepi di acero campestre. Dovevano essere saturi di vedere solo querce proliferare nella regione.

Il grano invernale o grano autunnale è il grano duro, normalmente piantato da settembre a novembre, per germogliare e formare giovani piante che rimangono in fase vegetativa durante l’inverno, prima di riprendere a crescere all’inizio di primavera. Di solito viene raccolto qui all’inizio dell’estate. Il grano invernale di solito fornisce rese maggiori rispetto al grano primaverile. Si usa per produrre la farina per fare la pasta e la semola. Ma, se mescolato con grano tenero, produce una farina versatile che può essere utilizzata in un’ampia varietà di prodotti da forno.

Il grano tenero, o grano primaverile, è il grano coltivato per fare farina da pane e pasticceria. Non necessita di vernalizzazione come il grano duro. Di solito viene raccolto dopo il grano invernale. Quindi in questa zona all’inizio dell’estate, quando si vede il grano, si presume che sia grano primaverile.

Ma questa distinzione è più complessa di così. Ci sono dozzine se non centinaia di varietà di grano, e talvolta anche il grano tenero viene piantato in autunno. Se si va in tarda primavera, quando le spighe sono ancora verdi, è più facile riconoscere le due specie. I grani teneri sono più bassi, producono meno paglia rispetto ai frumenti invernali, che sono più alti.

Ma se in questa regione del Gers prediligiamo i grani nobili, troverai anche altri grani, frumenti foraggeri, come il triticale, o anche varietà di farro. Qui sono secoli che producono il pane.

Il percorso procede così per molto tempo lungo la strada in questo universo infinito di cereali maestosi. Ma devi ancora avere la possibilità di passare qui senza il miasma di pesticidi e glifosato che i contadini riversano costantemente sui loro raccolti dalla primavera al raccolto. Certo, queste non sono patate che a volte vengono trattate più di 15 volte l’anno, ma anche il grano ha la sua dose, fino a 3 o 4 solfati all’anno.
Poi una collina sorge davanti a te. Il cammino sale costantemente, con una pendenza di quasi il 15%, tra il mais e gli abeti bianchi che sono stati piantati, una specie abbastanza esotica, va detto, nella regione.
In cima alla collina, il cammino conduce a un complesso residenziale costruito abbastanza recentemente sulle alture di Miradoux.

Da lassù, alle spalle dei girasoli, la vista è davvero mozzafiato sulle dolci colline del Gers e sulle infinite coltivazioni.

 

Una stradina scende poi nelle colture lungo le ville. Di fronte a te puoi vedere le prime case di Miradoux.
Più in basso, sotto frassini e aceri, il GR65 raggiunge la strada dipartimentale che attraversa il paese.
Rapidamente, raggiungiamo un bivio alla periferia del paese.
Miradoux (540 abitanti) è un’antica bastia. Poiché siamo lontani da tutto in questa parte spopolata del dipartimento, la gente del posto ha creato un’area di negozi autogestita, aperta parte della giornata, che elimina la necessità per le persone di andare a fare la spesa quotidiana a Lectoure, o più lontano. Qui è dove la vita del villaggio è vivace.
Il villaggio è costituito da strade abbastanza strette che scendono in fondo alla zona commerciale. Le case sono luminose, piuttosto belle nella loro uniformità, spesso scavate nella roccia calcarea.

Una bella sala del grano si trova nel mezzo di questo bellissimo villaggio. È consuetudine nel paese avere una sala del grano per il prestigio.

 

Della vecchia bastia di cui rimangono solo alcuni resti del castello, il mastio, una scala a chiocciola e alcune feritoie. È stato persino trasformato in un campanile. Sulle rovine del castello è stata ricostruita nel XIV secolo la chiesa, rimaneggiata nel corso dei secoli, classificata anche monumento storico. L’interno della chiesa è un po’ sovraccarico.

Alloggi