22: Miradoux à Lectoure

Una giornata nella Lomagne

 

MILENA DELLA PIAZZA, DIDIER HEUMANN, NDREAS PAPASAVVAS

 

Abbiamo diviso il percorso in diversi tratti, per facilitare la visibilità. Per ogni tratto, le mappe danno il percorso, le pendenze trovate sul percorso, e lo stato del GR65. I percorsi sono stati disegnati sulla piattaforma “Wikilocs”. Oggi non è più necessario andare con mappe dettagliate in tasca o in borsa. Se si dispone di un telefono cellulare o tablet, è possibile seguire facilmente il percorso in diretta.

Per questo percorso, ecco il link:
https://fr.wikiloc.com/itineraires-randonnee/de-auvillar-a-lectoure-par-le-gr65-30586915/

Questo non è ovviamente il caso per tutti i pellegrini di sentirsi a proprio agio con la lettura del GPS e dei percorsi su un laptop, e ci sono ancora molti posti in Francia senza un Connessione internet. Pertanto, trovarai nel futuro un libro su Amazon che tratta di questo viaggio. Per il momento questo libro è disponibile solo nelle versioni francese e inglese: Le Chemin de Compostelle en France. V. Du Puy-en-Velay à Cahors par le GR65.

Se vuoi vedere solo gli alloggi della tappa, vai direttamente in fondo alla pagina.

Oggi stiamo attraversando buona parte della Lomagne, il territorio più settentrionale del Gers.

La Lomagne del Gers è caratterizzata da ampie vallate che hanno scavato un vasto basamento calcareo, con ampi pendii sormontati da crinali e piccoli altipiani. Il paesaggio assomiglia spesso a grandi distese brulle, con qua e là qualche affioramento di calcare bianco e qualche boschetto sparso, dove ancora domina la quercia, che qui viene chiamata “canteros”. Le terre di Lomagne sono molto fertili, il calcare ha arricchito le argille, dando una terra straordinaria per il grano.

I vecchi edifici sono spesso fatti di pietra, il più delle volte nascosta sotto la calce che rivela solo le belle pietre tagliate delle porte e degli infissi. Le Bastide, come Lectoure, Flammarens, Miradoux o Auvillar, sembrano congelate nel tempo. Di forte aspetto medievale, sono arroccate su promontori strategici. Torri, bastioni, fossati, passerelle, è tutto lì. Ma queste città e questi villaggi hanno chiaramente sofferto dell’esodo rurale e ora sono in gran parte deserti. Spesso il tessuto urbano si è deteriorato, molte case rimangono sfitte o in rovina. Raggruppato intorno a Lectoure, capitale storica e culturale della Lomagne, il Lectourois è di per sé un concentrato di paesaggi della Lomagne.

Difficoltà del percorso: I dislivelli della giornata (+229 metri/-262 metri) sono ancora molto bassi, soprattutto perché abbiamo scelto di tagliare la lunga tappa che alcuni pellegrini compiono tra Auvillar e Lectoure. Perché, a Lectoure, si dice che i pellegrini arrivino qui in ginocchio, vista la lunghezza della tappa e l’ultima salita al villaggio. La tappa odierna non offre grandi difficoltà di percorso. Difficilmente supereremo i 200 metri di dislivello, e solo poche piccole salite o discese segnano il percorso. Attraversiamo una vasta campagna punteggiata qua e là da piccoli boschetti.

I percorsi della giornata sono chiaramente a vantaggio dei cammini, anche se a volte sono sentieri tracciati lungo le strade:

  • Asfalto: 3.8 km
  • Cammini: 11.7 km

A volte, per motivi logistici o scelta dell’alloggio, queste tappe mescolano percorsi effettuati in giorni diversi e diverse stagioni, poiché siamo passati più volte sulla Via Podiensis. Allora, i cieli, la pioggia o gli aspetti del paesaggio possono variare. Ma, generalmente, non è così, e questo modo di fare non cambia la descrizione del corso.

È molto difficile specificare con certezza le pendenze dei percorsi indipendentemente dal sistema utilizzato.

Per dislivelli reali , rileggi l’avviso del chilometraggio nella pagina di benvenuto.

Tratto 1: Nella campagna della Lomagne.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: percorso facile.


Il GR65 parte da Miradoux dalla piazzetta dei negozi, vicino alla chiesa dove come d’abitudine troneggia la Vergine, tutta vestita di blu e bianco.

Si scende in fondo al paese lungo la strada dipartimentale.

Poi, uscendo dal villaggio, corre lungo la strada sull’erba, sotto i giovani aceri che sono stati piantati numerosi nella regione.

Attenzione qui! Il percorso è stato cambiato. In precedenza seguiva la strada. Ora va su una stradina verso il paesino di Caouze.

Questo ti dà allora l’opportunità di ammirare la vasta e bellissima campagna del Gers e il mulino che si trova sulla collina, che qui non dovrebbe essere inattivo.

Tuttavia, non lasciarti assorbire troppo dal paesaggio che scorre sotto i viali di querce. C’è un cartello molto discreto qui, alla tua destra, che ti dice di non andare oltre. È spesso in questo tipo di posto che ti perdi, se non stai attento.
Infatti, c’è proprio un cartello che indica il sentiero alla tua destra, un sentiero che si addentra nei campi.
Il cammino costeggia campi di grano, oggi raccolti, e una siepe di querce, aceri, noci e prugnoli selvatici, fino a raggiungere la strada dipartimentale. Tutto questo per questo! Ma, come ben sai, gli organizzatori del Cammino di Compostela odiano vedere passare i pellegrini sulle strade dipartimentali.
Il GR65 termina quindi dalla sua piccola deviazione per raggiungere un incrocio di strade dipartimentali e prosegue lungo la strada dipartimentale che si dirige verso Castet Arrouy, su una piccola banca erbosa, parallela alla strada.
Lo farà, all’ombra dei frassini e degli aceri fino a raggiungere una piccola riserva d’acqua, prima di andare, questa volta risolutamente, per i campi.
Un ampio cammino sale poi sull’erba, ai margini dei campi di grano, su una collina dove sorge un serbatoio d’acqua.
Il pendio è ripido, lungo i giovani aceri di campagna che sono stati piantati, senza dubbio per segnare un percorso fatto per durare.
A metà salita, puoi ripararti all’ombra di venerabili tigli, di cui non conoscete mai l’età e di cui non vi stancherete mai di lodare la bellezza.
Il cammino prosegue poi la salita della collina sull’erba alta del maggese.
In cima alla collina, l’orizzonte si apre sulla vastità della campagna del Gers. Davanti ai tuoi occhi c’è un castello che aggiri ma da lontano. Questo è il castello di Gachepouy, un nome che deriva dal guascone gachar, che significa guardare, e pouy, che indica un’altura. Questo castello sarebbe stato costruito nel XIV secolo, a scopo difensivo. Passato in seguito a molte famiglie, è stato rimaneggiato nei secoli per essere ancora abitato all’inizio del XX secolo. Fu abbandonato durante la prima guerra mondiale, e oggi non è altro che un cumulo di rovine, le cui pietre sono state recuperate nel tempo.
Qui, alcune fattorie illuminano la collina rotonda, in mezzo ai campi di grano. Il paese è così vasto e così spopolato, che solo pochi rari poderi sono sparsi lungo il percorso. Qui si dice che molti contadini coltivano più di 150 ettari di terreno. Miradoux è la regione meno popolata e più agricola del Gers. Ma rimarrai senza dubbio sorpreso di sentire l’inglese parlato nei villaggi. I pensionati britannici si sono trasferiti lì, a basso costo, come in generale nel sud-ovest.
Lo abbiamo già detto tante volte, i contadini sconvolgono ogni anno, o quasi, i paesaggi con le loro colture. Quindi ecco due immagini di un precedente viaggio in primavera. Nella salita, ora a maggese, c’era il grano, e qui davanti al castello c’era la soia.
Un ampio cammino scende allora tra i campi di cereali e gli incolti. Una riserva d’acqua sottostante rompe la monotonia di un paesaggio che non smette mai di trascinarsi tra i campi. I campi ondeggiano morbidi, come onde, accarezzati dalla brezza. E se questa fosse la felicità? Dai! La campagna qui è molto bella e rilassante.
La discesa dalla collina è lunga. In lontananza, con la pratica, riusciamo quasi a dare nomi a queste culture, che emergono come un patchwork di superfici ondulate, di colori diversi. Il cammino aggira il castello dall’altra parte, che rimane tutto solo sulla collina.
Da una siepe all’altra, da un campo di girasole a un campo di grano, ci avviciniamo gradualmente al fondo della discesa, vicino al bacino idrico, che qui sappiamo essere usato per l’irrigazione dei campi.
La discesa termina su una stradina asfaltata che raggiunge la strada dipartimentale.
Il GR65 attraversa allora l’Auroue, un piccolo fiume con acqua torbida persa tra le erbacce.
Si immerge poi nel sottobosco in un piccolo viottolo parallelo alla strada. Se cammini qui nel il momento giusto, puoi ingozzarti di prugne selvatiche, che sono piuttosto abbondanti nella regione.

Tratto 2: Lunghe traversate vicino alla strada dipartimentale.

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: percorso senza alcuna difficoltà.

Il cammino visiterà ancora alcuni campi di cereali per raggiungere i prati alla periferia di Castet Arrouy.
Una stradina si snoda tra i quartieri periferici, prima di entrare nel villaggio di Castet-Arrouy (180 abitanti), attraversato da una graziosa strada.
Nella bella e accogliente Piazza della Chiesa, il ristorante è spesso occupato dai pellegrini.
La chiesa Ste Blandine, dal XVI secolo, da allora rimaneggiata, molto buia e un po’ troppo caricata, ha un bel campanile ottagonale.
All’uscita del paese, la strada incrocia ad un bivio una Vergine, che veglia anche sul paese. Decisamente, in tutti questi villaggi, le statue sono identiche, come se fossero state realizzate dallo stesso autore, tutte vestite con la stessa veste blu e bianca, conformandosi.
Da qui entrerai in una parte del percorso che difficilmente susciterà molto entusiasmo. Sei a 10 chilometri da Lectoure e il GR65 prosegue sulla striscia erbosa lungo la strada dipartimentale.
Qui il gioco consiste nel passare alternativamente da un lato all’altro della strada. Pericoloso attraversare la strada, stai scherzando! Un veicolo deve passare qui ogni quarto d’ora. Il sentiero è una lunga arteria nella boscaglia.
Allora non succede nulla, tranne che guardare i cespugli su una lunga linea retta. Poi, all’improvviso, un piccolo boschetto che si attorciglia tra le querce e gli aceri, che cambierà il paesaggio, giusto?
Sì, questo è il segnale che il sentiero passerà dall’altra parte della strada, vicino a un laghetto in località Ste Marie du Gajan. Qui i raccolti sembrano meno giganteschi, interrotti spesso da qualche prato, dove la terra è probabilmente meno fertile.
Nulla cambia nella monotonia del paesaggio, tranne che ora i girasoli hanno preso il posto della macchia in quello che sembra essere un terreno abbastanza paludoso. La strada si estende attraverso una campagna piatta come una crespes, alternando girasoli e campi incolti, ricoperti di concime verde.
Poi, all’improvviso, all’incrocio con una strada di campagna, ecco un cartello che invita a lasciare il cammino, a causa del pericolo. C’era stato un forte temporale due giorni prima e l’intera regione era stata devastata, con il torrente Pitrac che straripava in molti punti. Il messaggio era già stato dato a Miradoux e hanno lì consigliato di seguire la strada. Con tali messaggi, alcuni pellegrini hanno obbedito alle indicazioni e molti hanno deciso di seguire la strada dipartimentale, da qui per più di 8 chilometri fino a Lectoure. Ma non tutti, naturalmente, alcuni pellegrini non hanno remore a sguazzare nel fango. Devi solo lavarti le scarpe alla fine della tappa. Pericolo, non c’è niente di pericoloso. I pellegrini vengono spesso scambiati per scolari. Ma almeno sono avvertiti. Inoltre, gli organizzatori dei percorsi sono vigili, poiché hanno posto qui questo segnale di avvertimento, in tempi brevi. Ben fatto e grazie per loro!
L’ultima volta che siamo passati di qui stava piovendo a dirotto. Quindi un po’ più di fango non avrebbe cambiato la faccia dell’universo. Siamo usciti per un po’ dal sentiero erboso per passare sulla strada. Chissà? Ma, poche centinaia di metri più in là, il cammino sembrava perfetto.
Abbiamo quindi, a nostro rischio, proseguito sul sentiero che esce dalla strada dipartimentale. Qui non c’erano segnalazioni. Perché? Capisci la difficoltà di segnalare i percorsi in tempo reale. I magnifici e generosi volontari, che organizzano questi percorsi, non sono sempre disponibili.
Il GR65 continua a salire un dolce pendio, tra aceri e querce, fino a un luogo chiamato La Peyronelle. Un cartello ai margini del boschetto racconta la storia di questo ex ospedale di campagna del XII secolo, di cui sono presenti alcuni resti di muratura e colonnine, inseriti in una grande fattoria sul fianco della collina.
Il cammino attraversa il sottobosco, poi prosegue tra i girasoli verso il torrente di Pitrac. Dobbiamo aspettarci il peggio oggi?

Tratto 3: Su colline e valli lungo il torrente di Pitrac.

 


Indicazione generale delle difficoltà del percorso: un po’ in salita, lo stesso, ma niente di difficile, almeno con il bel tempo!

 

Per quasi un kilometro il percorso è stato disagevole. Non solo il torrente si era riversato nei campi, ma la tempesta aveva spazzato via il terreno smosso. Certo, il terreno fangoso non era più alto delle caviglie, ma la difficoltà era non perdere le scarpe nel fango appiccicoso.
Non era più facile camminare sull’erba spugnosa che sulla terra allagata dei campi. In alcuni punti il ruscello, solitamente così tranquillo e che difficilmente si vede, formava dei veri e propri laghetti, utili comunque per disincrostare parzialmente le scarpe, diventate pesanti, come avvolte da veri e propri ceppi di terra appiccicosa. Non è nostra abitudine lamentarci. La maggior parte delle volte ti mostriamo i passaggi fatti con il bel tempo. Ma, come tutti sanno, questa non è la consueta realtà del percorso. È per questo motivo che, per una volta, stiamo descrivendo un cammino non sempre lastricato di rose. Oggi abbiamo impiegato un buon quarto d’ora per strofinare e lavare le scarpe, che il giorno dopo non erano asciutte.
Qui il cammino costeggia il sottobosco del torrente, con campi tutt’intorno. La difficoltà quando si cammina qui in condizioni difficili è che non ci sono grosse pietre sul cammino. Perché queste ultime sono utilissime, per mettere giù le scarpe, nei sentieri che si trasformano in ruscelli sotto la pioggia battente.
Più avanti il cammino inizia a salire sulla collina. Quindi, nella nostra sfortuna della giornata, ciò prefigurava una potenziale diminuzione del rischio di una possibile, ma improbabile, stagnazione.
Il cammino raggiunge allora un grazioso laghetto sperduto, sotto i frassini, tra i canneti e l’erba alta, dove scorre il torrente.

Più in alto, il cammino passa sotto una bella dimora, che sembra un castello, arroccata sulla collina. Ora il fango è sparito.

Poco dopo, il GR65 raggiunge una strada sterrata, dove c’è una direzione per Boué, dove è disponibile un gîte.
Ma non segue a lungo la strada che diventa un vicolo cieco. Subito un sentiero sassoso si inerpica nel sottobosco dove oggi si vedono alcuni segni devastanti del recente temporale.
Il sentiero poi sale un po’ più costantemente tra querce, castagni e piccoli carpini.
Uscendo dal bosco, una larga strada pietrosa sale con una pendenza di quasi il 15%, oggi tra girasoli e grano. Qui il cammino attraversa un grande orto. Siamo venuti qui di recente durante una brutta epidemia e i raccolti erano al minimo.

 

Ma quando siamo passati di qui in condizioni normali era pieno di verdure e frutti di bosco, fragole, zucchine o anche carciofi. Tuttavia, il Gers è molto lontano dalla Bretagna!
Alla fine dell’azienda agricola, il cammino incrocia la strada statale N 21 che scendendo da Agen e proseguendo a sud verso Lectoure, passa per la località Tarissan.

Il GR65 si muoverà quindi in piano o in leggerissima discesa su un ampio altopiano. Da qui vedrai Lectoure e il vicino campanile della cattedrale. Non farti ingannare, questa è solo un’illusione. Hai apprezzato l’approccio infinito di Lauzerte. Qui è ancora più lungo. Dovrai ancora camminare per circa 5 km per raggiungere Lectoure. Basta aumentare lo zoom delle foto per favorire l’illusione di una prossima liberazione. Non è lo stesso per i piedi!

Si cammina poi nell’erba, ai margini di campi e prati, lungo giovani aceri piantati a segnare il percorso. Ci sono anche mucche qui, cosa rara nel Gers, che non avevamo visto da molti giorni. Il Gers non è un dipartimento di allevamento.

Se passi in queste regioni in un altro giorno, potresti avere culture molto diverse, ad esempio incrociare culture di melone Charentais, una delle grandi specialità di Lectoure. Se non fosse per i teloni, potremmo dire di essere tra le dune di un deserto. Qui i meloni vengono coltivati in “tunnel”, protetti da cerchi o teli di plastica, o tele di stoffa. Altri vengono coltivati in pieno campo, a seconda della stagione.

Tratto 4: Attraverso i grandi campi di Lectoure.

 

 

Indicazione generale delle difficoltà del percorso: percorso facile prima della salita piuttosto severa che porta alla cittadella.

Poco dopo, il cammino scende costantemente, ora attraverso campi di grano e campi coperti di concime verde, un altro anno forse tra girasoli e soia. C’è poco mais nel Gers. Il mais è per dopo, ma ne vedrai fino alla nausea. Aspetta un po’ …
In fondo alla vallone, il GR65 trova una strada che sale, anch’essa in costante pendenza, attraverso i campi di grano sulla collina.
La strada attraversa fattorie e complessi residenziali. Ci avviciniamo a Lectoure, che vediamo in piedi su una collina lontana. Sappiamo quindi che dovremo discendere la valle che immaginiamo di dover risalire per città.
Ed è proprio così. Immediatamente il GR65 lascia la strada per un cammino che scende in un sottobosco frondoso, dove ancora dominano querce e aceri. Qui i noci selvatici hanno sostituito i castagni.
Ma qui non è un fitto sottobosco, sono piuttosto siepi che delimitano i campi, dove rimangono i cereali in quota e i girasoli in fondo.
Il cammino segue allora le siepi, dove è possibile misurare l’intensità del recente temporale, vedendo le foglie cadute sul sentiero.
Al termine della strada sterrata, il GR65 raggiunge una stradina asfaltata che scende nel fondovalle.

Qui un viottolo, appassionato di queste inutili deviazioni, porta a visitare nuovamente il sottobosco, per ricongiungersi alla strada un centinaio di metri più avanti. Puoi proseguire comodamente per strada. Da qui hai Lectoure davanti a te, sempre più vicino. Alla fine ci arriveremo.

In fondo alla valle, la strada passa a La Mouline de Belin, dove è possibile trovare alloggio. Qui siamo sotto la città di Lectoure. Non importa quanto guardi in alto, le mura della città sopra sono ancora invisibili.
Anche qui nell’erba sopra la casa è stato tracciato un inutile sentiero per non far passare gli escursionisti sulla strada. Ma, non c’è traffico qui. Puoi restare sulla strada. Inoltre, il GR65 non impiega molto, a malincuore, a giungere immediatamente alla stradina. E la strada sale qui, con una pendenza quasi del 15%. La costa è impegnativa, fortunatamente non molto lunga. A Lectoure si sostiene spesso che i pellegrini che vengono da Auvillar in una tappa, a più di 32 kilometri da qui, arrivino lì in ginocchio.
La liberazione è una piccola panchina accanto a un magnifico cimitero che si perde lungo la collina.

Per il piacere…

Attendi il caricamento del video.

Lectoure è appena sopra il cimitero, dietro le sue mura. Lectoure è quindi tuo.
La città di Lectoure (3.700 abitanti) è attraversata proprio dalla Route Nationale, un’antica strada reale e imperiale, dove qua e là si trovano bellissime dimore risalenti al XVII-XVIII secolo. La città è circondata da bastioni, ma oggi le porte di accesso sono tutte scomparse. Qui la città sembra più viva di quella che abbiamo visitato nei giorni scorsi.
Dalla Rue Nationale iniziano piccoli vicoli bui che portano ai bastioni tutt’intorno alla città.
La cattedrale di St Gervais e St Protais ha una lunga storia. La navata romanica è stata modificata nel tempo per adattarsi allo stile gotico fiammeggiante. La torre ottagonale, rasa al suolo durante la Rivoluzione, purtroppo non ha più campanile. La chiesa conserva le reliquie di St Clair d’Aquitania, vescovo di Albi e Lectoure.
Nota anche in questa bellissima città la Torre del boia del XIV secolo, l’unica torre originale conservata, e il Carmelo, che ospita ancora alcune suore carmelitane. Ci sono ancora alcune meraviglie scendono lungo le mura, che visiteremo nella prossima tappa.

Gastronomia locale

Sì, siamo nel Gers, quindi nel sud-ovest. La rete Gers comprende oltre trenta aziende agricole che producono pollame, oche e anatre, in particolare foie gras. Tuttavia, più di 500.000 uccelli vanno in padella ogni anno, 1.300 al giorno! Buon appetito! Quindi mangerai l’anatra, è ovvio. Questo è l’alimento base del sud-ovest.Nelle aiguillettes, nel foie gras, nelle insalate di ventriglio, con il cassoulet, il più delle volte in confit. Ma a Lectoure, in stagione, non dimenticate di assaggiare il melone. Per molti intenditori, è più fine e più dolce del melone di Cavaillon, consumato al naturale o con un pizzico di floc, un liquore prodotto dal vicino Armagnac.

Un’altra grande specialità locale è l’aglio bianco. Quindi, ovviamente, decidiamo per un foie gras saltato con aglio di Limogne!

Alloggi