Accueil: Da Puy-en-Velay a St Jean-Pied-de-Port

È in questa parte del sito che viene descritto il percorso principale seguito dai pellegrini provenienti dal Nord Europa, dalla Francia, dalla Germania o dalla Svizzera. Per altri paesi è meno ovvio. Spesso partono da qui americani e canadesi, e anche qualche italiano, cosa che per il momento non fanno i coreani, che spesso iniziano il loro viaggio solo a Roncevaux.

Le tappe sono quindi descritte in ordine cronologico, partendo da Puy-en-Velay in Francia fino a Santiago de Compostela alla fine della Spagna.

Buon viaggio.

Si tratta di due mappe interattive che consentono di visualizzare il percorso nel contesto della Francia. I cerchi corrispondono alle fini di ogni tappa. Cliccando su questi cerchi, avrai accesso alle informazioni che Google fornisce per questi luoghi (immagini, alcuni alloggi, percorsi, ecc.). Potrebbe anche aiutarti a volte, anche se questa informazione è più per chi guida, e non a piedi, come te…

 

Via Podiensis

Per prima cosa, devi raggiungere Le Puy-en-Velay. Un gran numero di pellegrini arriva qui in aereo via Lyon, quindi in treno o in auto a Le Puy. I coraggiosi pellegrini dell’Est, i tedeschi o i svizzeri percorrono spesso la Via Gebennensis, da Ginevra a Le Puy, o altri corsi che passano per Lyon, Franche Comté o Borgogna. Alcuni italiani seguono la Via Francigena, in Italia, poi la Via Tolosana attraverso Arles. Altri partono da Dijon e arrivano a Le Puy via Borgogna e Cluny.

La Via podiensis parte da Le Puy. Qui siamo in mezzo ai puys, piccole colline boscose che sono ex piccoli vulcani. Da Velay, il percorso attraversa le boscose Margeride e Gévaudan, note soprattutto per le disgrazie provocate diversi secoli fa dalla bestia di Gévaudan. Segue l’affascinante Aubrac, con i suoi muri di pietra, i suoi immensi prati senza alberi dove pascolano d’estate giovani mucche e buoi.

Dopo Aubrac, il paesaggio cambia radicalmente. Il percorso si immerge nelle profonde gole del Lot, sale e scende, per tuffarsi a Conques, gioiello medievale del Camino de Santiago. Quindi, attraversa il Quercy e le sue innumerevoli querce, attraversa diversi causses, con vegetazione ruvida, per raggiungere Cahors.

Da Cahors, il paesaggio diventa più monotono, nel Tarn et Garonne. Il corso attraversa la Garonna a Moissac nel Gers, in mezzo alle case di campagna arroccate sulle colline e campi di cereali e girasoli. Da Aire-sur-Adour, sono le Landes e i Pirenei atlantici, con granturco e anatre. Fortunatamente, le colline ritornano nel Béarn e nei Paesi Baschi, al confine con i Pirenei.

I 730 chilometri di Via Podiensis possono essere facilmente percorsi in poco più di un mese. Si raccomanda al camminatore inesperto di non sforzarsi all’inizio e di aumentare la durata dei percorsi con l’esperienza. Devi sapere come fermarti di tanto in tanto. Luoghi come Conques, Figeac, Cahors, Moissac, Aire-sur-Adour, Navarrenx meritano una sosta.

Segnalazione del GR65

Non è necessario portare con sé mappe topografiche dettagliate. Segui semplicemente il markup. Da Ginevra a St Jean-Pied-de-Port, il percorso è segnalato come un cammino a lunga percorrenza, sebbene ci siano alcune variazioni. Poiché il Camino de Santiago si fonde con il cammino della Grande Randonnée (GR), la direzione è spesso indicata anche dai segni rossi e bianchi del GR. Qui è facile, siamo sul GR65 fino alla frontiera.

 

Devi seguire le bande rosse e bianche, non quelle gialle (alcuni percorsi turistici sono contrassegnati in giallo!). Ma a volte succede anche. Un ragazzo intelligente che per divertimento avrebbe cambiato la segnaletica o rimosso un segno. E si parte per una bella deviazione o per chiedere indicazioni per una fattoria vicina. E poi, a seconda della regione, ci sono ancora tanti altri cartelli con i nomi delle frazioni, con tempi di percorrenza approssimativi, destinati ad informare i turisti sui percorsi locali.

A volte c’è anche una segnalazione che utilizza il famoso guscio di Compostela, giallo su sfondo blu. Sappi solo che la base chiusa del guscio punta nella direzione corretta. In Galizia è il contrario! Ma su Via Podiensis, il guscio ha una sfortunata tendenza a scomparire a favore della segnaletica GR.

 

 

Nota importante sul chilometraggio.

È molto difficile specificare con certezza le pendenze dei percorsi, indipendentemente dal sistema utilizzato, dagli orologi GPS o dai profili mappati. Ci sono pochi siti su Internet che possono essere utilizzati per stimare le pendenze (tre al massimo). Poiché questi programmi si basano su un’approssimazione e una media intorno al punto desiderato, possono esserci grandi variazioni da software a software, a causa della variazione tra due punti (ad es. depressione seguita da un urto molto vicino). Un esempio ? Sul GR36, lungo la costa bretone, l’altitudine raramente supera i 50 metri sul livello del mare, ma il percorso continua a salire e scendere per tutta la giornata. Per un percorso di una ventina di chilometri un software darà 800 metri di dislivello, altri 300 metri. Chi sta dicendo la verità? Per aver percorso più volte il percorso, le gambe dicono che il dislivello è più vicino agli 800 metri! Quindi come lo facciamo? Possiamo fare affidamento sul software, ma dobbiamo stare attenti, prendere le medie, ignorare le pendenze date, ma considerare solo i dislivelli. Da lì, è solo matematica elementare dedurre le pendenze, tenendo conto dell’altitudine e della distanza percorsa tra due punti di cui si conosce l’altitudine. Questo è il modo di fare le cose che è stato usato su questo sito. Inoltre, a posteriori, quando “stimi” il percorso calcolato sulla base della cartografia, ti accorgi che questo modo di fare è abbastanza vicino alla verità sul campo. Quando cammini spesso, hai abbastanza rapidamente il grado di inclinazione negli occhi, e specialmente nelle gambe.

Ma c’è di più in questo. I programmi che consentono di calcolare i dislivelli mancano di precisione per percorsi relativamente pianeggianti, spesso non tenendo conto di piccole variazioni inferiori ai 2 metri. Pertanto, e soprattutto per i tratti con pendenza inferiore al 5%, si avrà la sensazione che sia quasi pianeggiante, ma ciò non è sempre corretto. Può andare su e giù spesso impercettibilmente. Ma le tue gambe stanno registrando tutti questi movimenti. Quindi, per essere più vicini alla realtà, aggiungi da 100 a 200 metri di dislivello per la maggior parte di queste tappe. Ve lo diranno anche alcuni orologi GPS che registrano continuamente il percorso. Ma anche qui il GPS non è la precisione di un orologio svizzero.

Comprendiamo la difficoltà dell’esercizio. Avendo fatto più volte l’esperimento con due GPS diversi, fornendo anche l’altimetria, possiamo riscontrare a volte una grande variazione nel livello dell’altitudine indicata. L’unico vero dato è quello dato dalle curve di livello delle mappe ufficiali degli stati. Ma questo non dovrebbe in alcun modo rovinare il tuo piacere, anche se ti vengono fornite cifre che verranno chiamate approssimative, ma senza dubbio abbastanza vicine alla realtà sul terreno. Nella grafica è sufficiente tenere conto del colore per capire cosa significa. I colori chiari (blu e verde) indicano pendenze modeste inferiori al 10%. I colori vivaci (rosso e marrone scuro) mostrano pendii ripidi, con il marrone che supera il 15%. I pendii più severi, superiori al 20-25%, molto raramente di più, sono segnalati in nero.

Ce que vous trouverez dans ce site

Per aiutare nella pianificazione del percorso, il percorso è stato diviso in unità arbitrarie. Ognuno cammina a modo suo. Per ogni tappa, avrai anche opzioni di alloggio disponibili. Non possiamo ignorare l’esistenza di Miam Miam Dodo, che molti considerano la Bibbia del Camino de Santiago. Il nostro sito è molto completo negli indirizzi, ma non prevede alloggi al di fuori del percorso, cosa che fa Miam Miam Dodo, che ha anche l’innegabile vantaggio di essere aggiornato ogni anno.